Vai ai contenuti

Menu principale:

Chiesa Cristiana Evangelica Pentecostale A.D.I. di Matera


________


TESTIMONIANZA DI EMANUELE MANICONE

Mi chiamo Emanuele Manicone e ho 17 anni. Ringrazio il Signore perché in questi anni non ha permesso che io facessi esperienze negative in questo  mondo. Sono nato in una famiglia cristiana e nella mia infanzia ho sempre frequentato la chiesa evangelica ,la scuola domenicale, i culti e ogni anno anche i centri estivi delle nostre chiese. Anche frequentando assiduamente la chiesa non avevo però fatto un’esperienza reale con il Signore. All’età di 15 anni cominciai a manifestare sempre più orgoglio e rabbia. Non mi piaceva l’idea che qualcuno si dimostrasse migliore di me in qualcosa e odiavo tutti quelli che gli altri reputavano più importanti di me; mi dava fastidio l’idea di essere aiutato da qualcuno perché mi sentivo forte. Quest’ odio verso tutto e tutti fece sì che io perdessi tutti gli amici e che rimanessi solo. All’inizio era una situazione piacevole, pensavo “ce la posso fare da solo” o “non ho bisogno di nessuno”. Solo dopo capii che tutto ciò era sbagliato, infatti non avevo nessuno con cui parlare e nessuno con cui confrontarmi. Una sera , in preda alla disperazione mi ricordai che io avevo un Dio che non mi avrebbe mai abbandonato e che sarebbe rimasto sempre al mio fianco; nella mia camera mi inginocchiai, piansi e pregai il Signore: gli affidai la mia vita! Dopo un pò di giorni le buone amicizie che avevo e che avevo perso a causa dell’orgoglio ritornarono e con quei ragazzi, ormai miei fratelli, decidemmo di seguire le vie del Signore e battezzarci. Ovviamente come cristiano non sono perfetto;  riconosco che a volte sbaglio, ma il Signore è pronto a perdonarmi se vado a Lui con cuore pentito. Il Signore non ci lascia soli: risolve i nostri problemi, ci chiarisce i dubbi mentre preghiamo e ci consiglia e ammaestra attraverso la lettura della Bibbia. La scelta di arrendermi al Signore è stata la più importante non solo della mia vita terrena ma anche dell’eternità. Amen!






























 

 

 

 

 

 



Torna ai contenuti | Torna al menu