Vai ai contenuti

Menu principale:

Chiesa Cristiana Evangelica Pentecostale A.D.I. di Matera


________


Mi chiamo Denitsa ho 26 anni e sono bulgara. Sono  cresciuta in una famiglia che non conosceva il
Signore. I miei genitori si sono separati quando io ero una bambina di solo  8 mesi, dopo di che hanno divorziato. Nella mia vita erano più presenti mia madre e l’unica figura maschile, mio fratello maggiore; ed ora pensandoci, credo che proprio per questo motivo siamo particolarmente legati l’uno all’altra. E’ stato proprio mio fratello che mi ha parlato di Gesù. Inizialmente non capivo perché mio fratello frequentasse troppo spesso la chiesa evangelica. Pensavo che questa non potesse andar bene per me, ero molto scettica in materia di fede.
All’età 15 anni,vivevo un periodo particolarmente buio nella mia vita, c’erano delle paure dentro di me e non avevo  pace, pensieri brutti e bugiardi  invadevano la mia mente portandomi alla disperazione, credevo che nella situazione in cui mi trovavo nessuno mi avrebbe potuto
aiutare, ma non era così.. Mi ricordo che mio fratello iniziò a comportarsi diversamente , non era più lo stesso, Dio lo stava trasformando. Vedevo in lui un amore che scioglieva anche il mio cuore, amore che mi faceva pensare all’esistenza del Signore. Mi ricordo che facevo tante domande a mio fratello e lui mi rispondeva. In quel momento avevo bisogno di vita, di parole di vita e Gesù le aveva per me, Egli steso è la Vita. Mio fratello mi disse che Gesù mi amava tanto e mi conosceva perfettamente, mi parlò di quello che Egli ha fatto per me sulla croce, morendo per i miei
peccati, proprio per me. Allora il mio cuore fu toccato e accettai la Parola di Dio. Sapevo di non
essere perfetta e di aver bisogno di essere perdonata e Gesù l’ha fatto. Ha preso il mio peso e mi ha dato il suo riposo, ha tolto quei brutti pensieri e ha messo pace nel mio cuore e gioia, dandomi la convinzione di essere nata di nuovo. In chiesa ho incontrato  persone  che mi accettavano e mi amavano, mi mostravano l’amore di Dio. Ho creduto nel Signore ed Egli mi ha liberato.
Per questo lo ringrazio, perché si è fatto conoscere anche da me. È un grande privilegio, mi ha fatto una sua figliola ed ora sono figlia del Re dei Re. Ora che sono passati un po’ di anni posso dire che il mio Dio continua a mostrarsi straordinario  per la Sua grandezza, per l’amore e la fedeltà che ha nei miei confronti anche quando io Lo deludo. Il nemico delle nostre anime fa di tutto per separarci da Dio, ma Gesù è più forte. Ogni volta che mi sono trovata in guai o in situazioni difficili, Egli era lì. Egli è il mio rifugio e la mia salvezza che mi sa sempre aiutare, trovare una via d’uscita laddove io non vedo soluzione. Perciò riconosco che ho ancora bisogno di conoscerLo, di dargli molto di più, affinché Egli possa operare in me per la Sua gloria.   





















 

 

 

 

 

 



Torna ai contenuti | Torna al menu